TOFU A POIS

TOFU A POIS

400 567 CUOCHI MA BUONI
lenticchie, mais, tofu, cipollotti, ricette vegane, insalate, Luca Giovanni Pappalardo, Boombang Design

Tofu arrostito e marinato con mais e lenticchie ai semi di senape

Questo dialogo avrebbe potuto scriverlo Harold Pinter. Avrebbe potuto intitolarsi “Troppo tardi, ormai è in frigo”, sarebbe stato un pezzo minore, una di quelle sue pièces senza scampo in poche battute, qualcosa che sarebbe andata in mezzo ad una raccolta e che pochi avrebbero preso in considerazione per poi fare il boom nel momento in cui un attore famoso non lo avrebbe messo in scena.
Quindi cerchiamo di immaginare George Clooney in questa situazione.

G.C. L’ho visto lì, era davanti a me, l’ho preso e l’ho portato a casa. Lo so cosa stai pensando, che non è la prima volta. È successo sulla strada verso casa, la luce della vetrina lo illuminava tutto per intero. Cazzo, non sono un figlio di puttana. Non ho resistito.
Io: Senti, non ti giudico, ma sono certo che gli farai fare la stessa fine degli altri.
G.C. Non è vero!
Io: Fai sempre così! Fate sempre così.
G.C. Vuoi dire che non sono il solo? Pensi che io sia uno di quelli? Lo pensi davvero? Tu non capisci e sai perché? Perché tu non sbagli mai con certe cose. Sei uno di quelli che non sbagliano mai in certe cose. Un giorno saprai dirmelo che avevo ragione. Sai fare le cose giuste con questo tipo materiale grezzo.
Lo sai educare, lo fai piegare alla tua volontà. Lo fai diventare la tua carne preferita in certe occasioni e con certi strumenti. E se un giorno ti scappasse la mano? Prendi, maciulli e butti via tutto?
Io: Stai dicendo un mucchio di sciocchezze. Parli di me dimenticandoti del mio lavoro. Io lo faccio per lavoro. Su certe cose sperimento le mie tecniche.
Se faccio male sono solo fatti miei. Trovo soluzioni anche per dei maniaci come te. Se non ti piace il genere, bè, trovati altra roba, magari godi di più.
G.C. Troppi tardi, ormai è in frigo.
Io: Non dovevi farlo.
G.C. Dicono faccia bene. Ma quando lo metti in bocca non sa di un cazzo.
Io: Prova questa, ma è l’ultima volta che ti aiuto. Io lo bagno e lo passo nella farina integrale. Poi lo arrostisco in padella con olio e una punta di soia.
Taglia dei cipollotti in quattro e infarino pure quelli. In padella diventano delle bombette croccanti fuori e morbidissime dentro.
Poi lo scaloppo e lo condisco con olio di sesamo ed erbette.
A parte preparo un’insalata di mais e lenticchie. Aggiungo basilico e manteco con i semi di senape che mi ricordano mais e lenticchie in miniatura.
Copri il tofu caldo con questa insalata e vedrai!
G.C. Questa volta provo così. Ti prometto che non ci ricadrò.
Io: George, siamo uguali. Siamo uguali fisicamente, ci scambiano per gemelli, e siamo uguali di testa. Siamo gente che cade. Non possiamo farci niente.
Siamo come Lucifero, vogliamo essere non come Dio, ma Dio in persona.
Dio non mangia il tofu, fidati.

RICETTE LETTERARIE

Shares