#POSTCARDS FROM ISOLA

#POSTCARDS FROM ISOLA

400 568 CUOCHI MA BUONI
postcardsfromisola, luca giovanni pappalardo, cucina vegetariana, peperoni, Luca Giovanni Pappalardo, Boombang Design

#POSTCARDSFROMISOLA ovvero non spedirmi a fanculo, dai, non fare così, spediscimi una cartolina con una tua ricetta, cazzo!
Il corpo umano è bello, il cuore umano no! Il guscio della lumaca è bello, la lumaca lascia un po’ a desiderare. La buccia della mela di Biancaneve è bella, la mela in questione è avvelenata. La pelle è la parte più profonda dell’essere umano, diceva il filosofo. Il filosofo è brutto fuori ma bello dentro. Lo scorfano è brutto fuori ma buono dentro. Per i greci il bello corrispondeva al buono, e il brutto al cattivo. Questo piatto è più bello fuori che dentro. Una cartolina spesso è più bella fuori che dentro.
Meglio se glitterata!

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE:
1 peperone rosso fuoco
1 mazzetto di menta fresca e turgida
4 tranci di merluzzo fresco
1 limone
4 fette di pane nero
Paprika dolce qb
Sale e olio evo qb

PROCEDIMENTO:
Accendete il forno e portatelo a 190 gradi Celsius. Celsius era un astronomo fico svedese. Queste cose dovete saperle. Non potete accendere  il forno senza sapere qualcosa riguardo Celsius. Dai ritratti dell’epoca (1700) appare smilzo e segaligno, con un gran parruccone arricciato, come si usava all’epoca. Ha viaggiato per mezza Europa, ha studiato centinaia di aurore boreali. Aveva il naso puntato verso il cielo. Aveva il suo naso sulla faccia. Il suo collega Tycho Brahe, nato nella stessa zona un secolo prima aveva perso il naso la notte del mio compleanno sfidando a duello un matematico con il quale aveva ferocemente litigato a causa di questioni di lunghezza del pene astronomico. E quando due matematici litigano so’ cazzi. Nel duello Tycho perse il naso, non il pene (di cui non conosciamo né la lunghezza, né il peso specifico). Ora, a voi sembrerà strano ma per un astronomo il naso è importantissimo perché aiuta l’occhio nello scrutare le stelle. Per ovviare a questo problema si fece montare un naso di rame, e sempre con quello andava in giro finché un gruppo di rumeni non glielo rubò per trarne vantaggi economici sul mercato nero. Tycho morì in circostanze particolari. Durante una cena a casa di chissà quale re della Danimarca gli esplose la vescica. Il re era un fottutissimo logorroico e Tycho un timidone che non riusciva a trovare il modo di interromperlo per andare a pisciare. Immaginatevi la scena mentre metterete i peperoni in forno e li lascerete abbrustolire finché non saranno carbonizzati sulla pelle. Tirateli fuori e metteteli in un sacchetto di carta. Fateli raffreddare e poi spellateli. Ricavatene delle strisce lunghe e conditele con succo di limone, olio evo, sale e menta. Cuocete il merluzzo arrostendolo in padella. Impiattate il merluzzo sulla fetta di pane nero ricoperta di paprika e poi copritelo con un lenzuolo regolare di peperoni marinati.
Dimenticavo la parte essenziale: sia Celsius che Tycho hanno dato il nome ad un cratere lunare.

RICETTE LETTERARIE

Shares